Millennium, finalmente una gran rivista

Uno attraversa in diagonale e fuori dalle strisce una strada larga, un altro guida e messaggia sullo smartphone, quell’altro ancora passa in bici in mezzo a due autobus. Io li guardo e penso: stiamo diventando come quegli animali che a un certo punto vanno e si suicidano in mare. Per la verità, dicono gli esperti, non è un vero e proprio suicidio, è un comportamento che ha un suo perché, la morte è un effetto collaterale. Non ricordo questo perché, mi resta solo l’immagine del suicidio di massa. E non ricordo neanche subito il nome di questi animali. Mi viene lemuri ma so che non sono loro. I lemuri parrebbero creature placide, dedite solo a mangiare, salire sugli alberi e provare ad ipnotizzare la gente con i loro occhi enormi. Dopo un po’ mi viene: sono i lemming. Ecco, stiamo diventando come i lemming.
Poi succede che tutto d’un tratto i giornalisti sembrano essersi accorti delle fake news e scendono sul campo di battaglia. Dovrei stare con loro, in realtà mi trovo ad inveire contro la tv che passa la notizia di questa alzata di scudi, di questa veemente autodifesa della categoria, che in aggiunta sa di sospetto perché il pericolo che tutto sia bollato come fake news è concreto. Ma se siete stati voi i primi ad avere inventato le notizie false per questo o per quell’interesse. Che poi nemmeno serve inventarle le cose, basta tacerle, il danno all’informazione è il medesimo. Sì, è vero, internet ha portato via una bella fetta di mercato all’editoria ma pensare che sia solo questa la colpa è riduttivo. Chiunque abbia un minimo di finezza di pensiero lo vede quanto è raffazzonato il linguaggio del web e appiattito sulle esigenze degli algoritmi, sono i motori di ricerca a dettare le regole della scrittura sacrificando così la personalità di linguaggio di chi scrive che vale quanto i contenuti. Belli i tempi in cui senza leggere la firma si riconosceva il giornalista dallo stile. Per non parlare di quegli annunci che occhieggiano e rimbalzano da tutte le parti che ti sembra di stare al luna park. E i quotidiani sono tutti uguali o quasi, di carta o virtuali che siano, notizie identiche, spesso di poca importanza. Poi scopro (in colpevole ritardo) Millennium, il mensile de Il fatto quotidiano. Approfondimento, contenuti originali che pescano nel non solito, nel non conosciuto. Bellissima anche la grafica, minimale: niente accozzaglia di colori, o moltitudine di dida, didine, didette e strilloni a destra e a manca. Niente foto o fondini sotto il testo, solo un carattere chiaro nero su bianco. Quando so l’argomento del numero di questo mese mi precipito a comprarlo: Cari colleghi giornalisti ci stiamo suicidando. Peter Gomez conferma i miei pensieri, e anche i lemming.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.